risotto con i bruscandoli

brusca

un risottino primaverile con un’erbetta selvatica, i bruscandoli appunto, come la chiamano in Veneto

Non so quale sia la ricetta tradizionale, io li ho fatti così

Lavati i bruscandoli lasciandoli per qualche minuto a bagno in acqua a temperatura ambiente, li si pulisce. Io ho tolto l’estremità inferiore, più dura, 1-2 centimetri, spezzettando il gambo, che ho messo a cuocere in padella, e mettendo da parte le cimette, che ho aggiunto dopo una decina di minuti.

Ingredienti (per una persona):
un mazzetto di bruscandoli
uno scalogno
olio evo
tre cucchiaiate di riso basmati
sale pepe
dado vegetale

Una volta puliti (e ancor prima, trovati) i bruscandoli, la procedura è uguale a quella di un qualsiasi risotto
io lo faccio abbastanza asciutto ed evito di mantecarlo con burro e parmigiano
semplicemente, olio, scalogno, erbetta e riso insaporiti con sale e pepe
ognuno può aggiungere quel che preferisce

far appassire lo scalogno nell’olio
io aggiungo subito sale e pepe, così il sapore si diffonde
aggiungere i gambi dei bruscandoli e farli cuocere per una decina di minuti con un po’ di acqua bollente
aggiungere le cimette e dopo qualche minuto il riso
girare bene quindi coprire tutto con acqua bollente, aggiungere un cucchiaino di dado vegetale e far cuocere secondo il tempo del riso scelto

servire caldo

brusc

Ma che cosa sono questi bruscandoli?
Dalle informazioni trovate in rete ricavo che i bruscandoli sono i gettiti spontanei del Luppolo selvatico (Humulus lupulus). In cucina si usano, per il loro delicato sapore, gli apici vegetativi colti a primavera per frittate, minestre e altri usi.
Hanno molte proprietà rinfrescanti e diuretiche, come tutti i turioni primaverili.

Crescono spontaneamente nel Nord Italia nei pressi di radure, siepi o fossati e vengono definiti con nomi diversi: in Lombardia li chiamano asparagina, a Mantova e a Cremona luartis, in Piemonte luvertìn, in Emilia-Romagna vartis…

buona raccolta!!!

Informazioni su simonapacini

mi piacciono i gatti, la cioccolata e ultimamente sono un po' indecisa fra Parigi e New York (ma quasi quasi scelgo le Hawaii)
Questa voce è stata pubblicata in ricette vegane e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...