tortino di zucchini, pecorino e amaranto

amaranto5

il vero problema per me non è mangiare con tutte le limitazioni che devo seguire
ormai mi sono organizzata e riesco a cucinare piatti saporiti anche se con pochi ingredienti
il problema è quando ho degli ospiti ai quali desidero offrire qualcosa di buono e gustoso senza deviare dalla mia rigida dieta (senza glutine, né lieviti, né zuccheri… eccetera)

il tortino di oggi, a sorpresa, è venuto una favola
non ci credevo nemmeno io mangiandolo
ma quel che è più importante è che la mia ospite lo ha gradito, e questo basta

amaranto6

eccolo qua

ingredienti per due persone

6 cucchiaiate di amaranto (è un cereale a pallini minuscoli che si trova nei negozi di alimenti naturali)
uno zucchino abbastanza grosso
un bel pezzo di pecorino semistagionato
sale pepe olio evo e spezie a piacere
(curcuma, cumino, coriandolo)

amaranto2

cuocere l’amaranto versandolo in un pentolino con l’acqua bollente con un pizzico di sale e un cucchiaino di olio. prepararlo con anticipo perché ha dei tempi di cottura molto lunghi, di una mezz’oretta

far saltare lo zucchino, tagliato a pezzetti, in padella con olio sale pepe e spezie a piacere (io ho usato un po’ di coriandolo, curcuma e cumino)

spezzettare il pecorino tagliuzzandolo con un coltello

quindi riunire gli ingredienti in una ciotola

amaranto1

versare in una o più pirofile appena unte di olio e cuocere in forno già caldo per 20 minuti a 200° a media altezza finché la parte superiore non sarà leggermente imbrunita
volendo alla fine si può anche azionare il grill per due o tre minuti ottenendo una crosticina in superficie

amaranto3

far riposare una mezz’oretta minimo per evitare di metterlo in tavola rovente

vi stupirete, come me (lo spero) della bontà e della delicatezza di questo piatto che potrete gustare accompagnato da un po’ di riso basmati e da un’insalatina fresca

buon appetito

http://www.rollingbeans.it/2013/03/come-si-cucina-lamaranto.html#.U-KHouN_vnE

Informazioni su simonapacini

mi piacciono i gatti, la cioccolata e ultimamente sono un po' indecisa fra Parigi e New York (ma quasi quasi scelgo le Hawaii)
Questa voce è stata pubblicata in ricette vegetariane e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...