budino di vaniglia con la frutta secca

budino

Un dolce facile e veloce da preparare, anche quando abbiamo poco tempo o arrivano degli ospiti all’ultimo minuto

L’importante è tenere in casa una busta di budino in polvere
A me piace quello alla vaniglia dei negozi equi e solidali

Beh, è allora… sarà mica una ricetta da postare in internet
budino in busta…

si lo so che è una banalità
Come è banale l’aggiunta che ho fatto
ma siccome il piccolo esperimento è venuto bene ho deciso di appuntarlo sul blog

E poi, diciamocela tutta, è anche un piccolo escamotage veloce ed economico per fare bella figura con poco

budino4

Ingredienti per 3-4 persone
una busta di budino liofilizzato alla vaniglia
Mezzo litro di latte (mucca o capra)
frutta secca (albicocche, mirtilli rossi, mandorle, pinoli, scorzette di arancia…)

budino1

Per cuocere il budino seguire le istruzioni riportate sulla busta
versare la polvere in una casseruola, aggiungere il latte poco per volta, mescolare fino ad ottenere una crema omogenea e senza grumi
Portare a ebollizione, far bollire, mescolando sempre con un cucchiaio di legno, per tre minuti

nel frattempo avremo preparato la frutta, guarnizione e arricchimento del budino, e gli stampini
albicocche, mirtilli, uvetta e altra frutta del genere deve essere ammorbidita per un po’ in acqua calda

budino2

Disporre un’albicocca o un cucchiaino di altra frutta sul fondo di ogni stampino (in vetro, plastica, ceramica, silicone, a piacere) che avremo sciacquato con acqua fredda (per facilitare il distacco del budino una volta raffreddato)

versare la crema bollente e far intiepidire
Quindi passare in frigo per almeno due ore

quando il budino sarà rovesciato nei piattini la frutta avrà formato delle guarnizioni a sorpresa

al top dei miei esperimenti c’è quello con delle scorzette di arancia cristallizzate
lo zucchero con la crema calda ha prodotto una sorta di sciroppo all’arancia che ha dato ulteriore sapore al dolcetto

semplice ma proprio buono

(è possibile trasformare la ricetta da vegetariana in vegana sostituendo il latte di mucca o capra con un altro di origine vegetale, riso, soia o di altro tipo. A quel punto però conviene consumare i budini direttamente nelle tazzine perché non si otterrà la necessaria consistenza per sformare i dolcetti)

budino3

Informazioni su simonapacini

mi piacciono i gatti, la cioccolata e ultimamente sono un po' indecisa fra Parigi e New York (ma quasi quasi scelgo le Hawaii)
Questa voce è stata pubblicata in biscotti e dolci, gluten free, ricette vegetariane e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...